Pages Navigation Menu

Il Blog che ti Insegna a Fare Tutto

Come Avere un Sorriso Perfetto

Guardare le nostre stars preferite sorridere e avere invidia dei loro denti perfettamente allineati e bianchissimi è un tutt’uno. Per quanto impegno ci mettiamo, infatti, sembriamo non riuscire ad arrivare a quel grado di perfezione assoluta. Come fare, dunque, ad avere denti più belli? Vediamo quali sono i trucchi per competere con lo star system.

Per un sorriso da oscar è bene praticare una buona igiene orale I metodi per avere un sorriso smagliante come le celebrities di Hollywood ormai ce ne sono tanti e si possono mettere in atto a casa o dal dentista. Tutti possono funzionare, se usati bene. Se si sceglie la via del fai da te è, però, fondamentale un parere preventivo del dentista o dell’igienista dentale. E’ bene sapere che la durata del bianco può dipendere da molti fattori. «Il risultato è legato alle caratteristiche della dentatura, al colore di base e allo spessore dello smalto, ma anche alle buone abitudini», spiega Gianna Nardi, docente di igiene dentale all’Università la Sapienza di Roma. “Vanno evitate o limitate sostanze che macchiano, come sigarette, tè, caffè, vino rosso e va praticata una scrupolosa igiene orale”.

Vediamo nel dettaglio quali sono i principali metodi di sbiancamento:

– I dentifrici sbiancanti
In commercio ve ne sono di molteplici. Contengono agenti abrasivi, come perlite e bicarbonato, che rimuovono le macchie superficiali dei denti. Bisogna fare attenzione, però: se non sono abbastanza delicati o se usati con spazzolini a setole dure rischiano di rigare in maniera permanente lo smalto col risultato che poi si macchierà più facilmente. I dentifrici sbiancanti sono soprattutto utili come mantenimento dopo un trattamento professionale.

– Le strisce adesive

Le strisce adesive si basano sull’applicazione diretta sui denti di perossidi a basse concentrazioni. Agiscono in genere in 20-30 minuti e vanno applicate due volte al giorno per un paio di settimane. Richiedono una certa costanza e pazienza nell’essere ben posizionate. In seguito all’uso di queste strisce è possibile un’irritazione momentanea delle gengive e una certa ipersensibilità che si possono evitare con la preparazione professionale dei denti tramite sostanze remineralizzanti. Sono utilissime anche come mantenimento a qualche mese da uno sbiancamento professionale.

– Lo sbiancamento professionale

Si pratica dal dentista o dall’igienista dentale. Si applica un gel sbiancante sui denti, avendo cura di proteggere gengive e labbra con una sottile copertura. Il trattamento è della durata di circa un’ora. E’ molto efficace, può richiedere una o due sedute ed ha un costo importante. E’ pur vero che l’effetto del trattamento dura almeno un anno.

– Photo Bleaching e Power Bleaching

Anche se sembrano nomi di giochi per pc, sono in realtà trattamenti professionali per la cura e lo sbiancamento dei denti. I prodotti sbiancanti applicati dal professionista vengono attivati da un laser, da lampade al plasma o a luce fredda che ne accelerano l’azione. Entrambi danno ottimi risultati e consentono di risolvere il problema in un’unica seduta di un’ora.

– Il Deplaquing
E’ un trattamento consigliato prima del bleaching ed è utile per rimuovere macchie di fumo, vino e caffè. Con un apparecchio di profilassi ad aria si eroga un getto di polveri in materiale biocompatibile.

– Le fascette estetiche
Sono protesi che si applicano direttamente sulla superficie esterna del dente. Sono molto utili in caso di imperfezioni permanenti insanabili con altre tecniche di sbiancamento.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *